Archivio

Lesione di legittima: i rimedi, la procedura e i termini da rispettare

È noto che il nostro Codice civile garantisce al coniuge, ai discendenti in linea retta all’infinito (figli e nipoti) e, ove non presenti discendenti, agli ascendenti (genitori) del soggetto deceduto (c.d. de cuius), una quota d’eredità variabile a seconda del numero dei legittimari. A titolo puramente esemplificativo, ove il de cuius lasci il coniuge ed un solo figlio, la quota di legittima sarà di 1/3 ciascuno ed il restante terzo dell’eredità formerà la cosiddetta “quota disponibile”, attribuibile dal de cuius senza limiti di sorta; ove, invece, i figli siano due, a questi verrà attribuito 1/4 ciascuno ed altrettanto al coniuge superstite: il restante quarto formerà la “quota disponibile”. La casistica è comunque numerosa e, caso per caso, dovrà valutarsi l’entità delle rispettive quote. In presenza,…

Specializzazioni in Medicina

A partire dall’anno accademico 2013/2014, l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina e Chirurgia è regolato da un concorso su scala nazionale. Ecco le indicazioni per tutelare i vostri diritti. COSA FARE SE SI È DESTINATARI DI UNA NOTIFICA DI UN RICORSO CHE IMPUGNA IL BANDO DI CONCORSO E/O LE GRADUATORIE DELLE SPECIALIZZAZIONI IN MEDICINA E CHIRURGIA Sono ben note le problematiche che hanno caratterizzato lo svolgimento delle prove nazionali per l’ammissione alle specializzazioni in Medicina e Chirurgia dell’anno 2013/2014 e i conseguenti ricorsi avverso i risultati di tale concorso. Vi è, però, un aspetto che sovente passa inosservato: tutti i ricorsi che impugnano i bandi di concorso pubblici devono essere notificati ad almeno un vincitore, chiamato nel processo “controinteressato”. Ebbene: cosa fare se ci…

Impugnazione della parte civile della sentenza di patteggiamento

Impugnazione della parte civile della sentenza di patteggiamento Ai sensi dell’art. 576 c.p.p. “La parte civile può proporre impugnazione contro i capi della sentenza di condanna che riguardano l’azione civile e, ai soli effetti della responsabilità civile, contro la sentenza di proscioglimento pronunciata nel giudizio. …”. La previsione codicistica, pur essendo concisa, è sufficiente a porre i limiti della legittimazione della persona offesa- che si sia costituita parte civile– alla impugnazione: la parte civile potrà impugnare agli effetti civili ogni sentenza di condanna, relativamente, però, ai soli effetti civili, ovverosia “…la domanda di restituzione o di risarcimento del danno…” nonché “…le spese processuali…” ai sensi dell’art. 541 c.p.p., I comma. Resta esclusa dunque la possibilità, per la parte civile, di impugnare gli effetti penali della…